Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

"Pa Cannilora di l'invernu semu fora, ma si non nivica e non 'ntrona quaranta jorna di 'nvernu ancora"

Per la Candelora dall'inverno siamo fuori ma se non nevica e non tuona ci sono quaranta giorni di inverno ancora

La festa dell’alloro a Naso: un antico rito che non deve scomparire

Anche quest’anno, come ogni anno, si è rinnovato il rito della festa dell’alloro seppur in graduale diminuzione d’affluenza. Per le sue particolari caratteristiche (ritroviamo questa festività in alcune parti orientali della Sicilia e in particolare sui Nebrodi) è un patrimonio, un’identità che non va perduta.
Pubblicato il 06/04/2016

"La Bolgia delle Eretiche" in prima nazionale a Messina

Naxoslegge, il noto marchio dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes” dei Giardini Naxos, presenterà oggi 4 febbraio, alle ore 17.30, in prima nazionale, alla Feltrinelli di Messina, l’ultimo grande lavoro di Marinella Fiume: “La Bolgia delle Eretiche”.

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

La birra del Carrobiolo. Tradizione e innovazione a Monza

Nasce da un progetto sociale la ripresa dell'arte di fare la birra nel convento dei Barnabiti di Monza. Oggi c'è anche un pub

“Chi beve birra, campa cent’anni”, diceva una vecchia e celebre pubblicità, sostenendo quanto facesse bene dissetarsi con l’amara e frizzante bevanda. Ma oltre a fare bene, e a farla bene, c’è chi attraverso la produzione di birra fa il bene del prossimo.

La storia del birrificio Carrobiolo – che in pochi anni si è conquistato una meritata e notevole fama – nasce da un esperimento sociale, dalla volontà di alcuni educatori di proporre ai loro ragazzi un gioco costruttivo e divertente: fare la birra come progetto da presentare all'esame di terza media. Era il 2008 e Pietro Fontana, che allora dirigeva il centro educativo dell’associazione “Antonia Vita” presso il convento dei Barnabiti di piazza Carrobiolo a Monza, decise di trasformare quel gioco educativo in una specie di impresa. La birra al convento la facevano già, molto tempo addietro. Insieme ai frati si decise di provare a fondare una società e il successo fu immediato.

Ingredienti di qualità, alcuni dei quali a chilometro zero, tanta fantasia e voglia di misurarsi con un progetto un po’ pazzo. Nel giro di pochi anni la birra “del convento Carrobiolo” si è conquistata premi, riconoscimenti, clienti e fama imperitura. Anche perché è proprio buona. Oggi Fontana è il socio di maggioranza, con una percentuale minima del convento, ma fra le antiche mura di piazza Carrobiolo c'è ancora l’insediamento produttivo storico, dove si producono le birre speciali. Una nuova sede più moderna – e soprattutto un nuovo locale di mescita – in piazza Indipendenza 1 a Monza, sono la nuova sfida del Carrobiolo.

“Oggi – racconta Fontana – ci stiamo giocando la scommessa del pub. In qualche modo era una scelta dovuta, per stare al passo”. Le origini da educatore, però, non le ha perse. “Siamo una piccola azienda – continua – E ci lavoriamo in pochi, però, all’inizio abbiamo cercato di creare un laboratorio per insegnare il tirocinio a chi voleva intraprendere la professione di mastro birraio. Abbiamo dovuto interrompere, perché per insegnare un lavoro ci vuole tempo. Oggi ospitiamo degli stage con i ragazzi della cooperativa sociale Lambro e qualche borsa lavoro del Comune di Monza. Abbiamo allo studio alcuni progetti con l’istituto professionale Olivetti e la scuola Borsa di Monza”. Le origini non si tradiscono, la scelta di essere scuola di vita e di lavoro rimane.

Nel locale di piazza Indipendenza una volta si trovava un cappellificio; dopo tanti anni di chiusura Fontana lo ha recuperato e ha creato il suo nuovo “esperimento”. Dall’altra parte del cortile il nuovo sito produttivo, moderno ma sempre artigianale. Le enormi cisterne refrigerate sono collegate alle spine del bancone e il prodotto è sempre pronto, a ciclo continuo. Una piccola cucina prepara pochi piatti, ma a giudicare dall’affollamento a pranzo, si direbbe molto apprezzati.

Al bancone si gustano birre più beverine: dire no alla classica “media chiara” non è scelta commerciale raccomandabile, ma basta dare una scorsa alla lista di quelle in bottiglia, per capire che l'amante della birra è arrivato nel posto giusto. Le birre sono tutte prodotte secondo il metodo artigianale e quindi non sono filtrate e nemmeno pastorizzare; sono realizza con una selezione delle migliori materie prime, fra cui spicca un particolare frumento biologico autoctono, coltivato grazie a un “patto” di solidarietà tra il Distretto di Economia Solidale della Brianza e un coltivatore locale. Che dire? Storia, tradizione, solidarietà, qualità, passione... Gli ingredienti ci sono tutti e una visita non andrà delusa.

www.birradelcarrobiolo.it

Pietro Fontana (a sinistra) con i collaboratori del pub

Pietro Fontana (a sinistra) con i collaboratori del pub

Scrivi il tuo commento

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.