Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

"Pa Cannilora di l'invernu semu fora, ma si non nivica e non 'ntrona quaranta jorna di 'nvernu ancora"

Per la Candelora dall'inverno siamo fuori ma se non nevica e non tuona ci sono quaranta giorni di inverno ancora

La festa dell’alloro a Naso: un antico rito che non deve scomparire

Anche quest’anno, come ogni anno, si è rinnovato il rito della festa dell’alloro seppur in graduale diminuzione d’affluenza. Per le sue particolari caratteristiche (ritroviamo questa festività in alcune parti orientali della Sicilia e in particolare sui Nebrodi) è un patrimonio, un’identità che non va perduta.
Pubblicato il 06/04/2016

"La Bolgia delle Eretiche" in prima nazionale a Messina

Naxoslegge, il noto marchio dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes” dei Giardini Naxos, presenterà oggi 4 febbraio, alle ore 17.30, in prima nazionale, alla Feltrinelli di Messina, l’ultimo grande lavoro di Marinella Fiume: “La Bolgia delle Eretiche”.

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

Le regole del cocktail perfetto

Da anni ormai sappiamo che la parola adatta non è "mistura" ma cocktails, termine che oggi è entrato a vele spiegate nel nostro frasario e nelle nostre abitudini. Non esiste bar che non offre cocktail da quelli buoni fatti da professionisti, a quelli di dubbio gusto fatti da chi si improvvisa Bartender!! E noi vogliamo proprio evitare questo, perchè: bere tanto fa male … ma bere male fa peggio!!

Il protagonista: il cocktail

Per creare un cocktails occorre rispettare alcune regole d’ oro, dotarsi degli “arnesi” giusti ed applicarsi seriamente, prima di tutto bisogna conoscere i prodotti che si utilizzano e tutte le loro caratteristiche.
Prima di inventare cocktails di propria fantasia, ebbene invece imparare quelli storici, che hanno fatto la storia del bere miscelato fino ai giorni nostri, e che racchiudono in se molti cenni storici e affascinanti di altre epoche e personaggi famosi.
Ma questa parola  Cocktails sappiamo cosa significhi???
Parola composta: cock = gallo e tail = coda, letteralmente dall’ inglese Coda di Gallo
Perché  la cosiddetta Mistura di diversi ingredienti alcolici e analcolici porti questo nome è fatto chiaro o appurato. Si raccontano alcuni aneddoti in proposito:
-    Era IL 1879 E Betsy Flanagan rimasta vedova, aprì una taverna per tenere in allegria i numerosi soldati. Il sucesso fu enorme, appena si sparse la voce che ella per i suoi amici, usava preparare gustosissime miscele con liquori diversi, variamente colorati, proprio come la coda di un gallo.
-    A vera Cruz, in messico, approdò una nave inglese e tutto l’ equipaggio, sta scritto nel diario di bordo, potè gustare una bevanda locale dall’ effetto esilarante, ottenuta mescolando con una piuma di gallo una miscela di succhi di frutta fermentati.

Ne esistono numerose di questi aneddoti, comunque sia il cocktail è per il Barman   prezioso, brillante, visivamente coinvolgente come un gioiello e, a conferma di ciò che hanno colto gli occhi, si rivela all’ assaggio, eccezionalmente armonioso, capace di suscitare stupore. L’arte del miscelare, per l’uomo del bar è il coronamento nell’ apprendimento della professione; un obbiettivo che; se raggiunto, renderà grande soddisfazione, e i clienti riconosceranno la professionalità. E ricordiamoci che sono proprio i Barman o come si dice oggi i Bartender  che fanno la differenza in un  locale… Ma troppo spesso i gestori o i proprietari sottovalutano questa grande verità e si affidano a personale che costa poco … e di questo ne parleremo in seguito !!!



Scrivi il tuo commento

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.