Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

"Pa Cannilora di l'invernu semu fora, ma si non nivica e non 'ntrona quaranta jorna di 'nvernu ancora"

Per la Candelora dall'inverno siamo fuori ma se non nevica e non tuona ci sono quaranta giorni di inverno ancora

La festa dell’alloro a Naso: un antico rito che non deve scomparire

Anche quest’anno, come ogni anno, si è rinnovato il rito della festa dell’alloro seppur in graduale diminuzione d’affluenza. Per le sue particolari caratteristiche (ritroviamo questa festività in alcune parti orientali della Sicilia e in particolare sui Nebrodi) è un patrimonio, un’identità che non va perduta.
Pubblicato il 06/04/2016

"La Bolgia delle Eretiche" in prima nazionale a Messina

Naxoslegge, il noto marchio dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes” dei Giardini Naxos, presenterà oggi 4 febbraio, alle ore 17.30, in prima nazionale, alla Feltrinelli di Messina, l’ultimo grande lavoro di Marinella Fiume: “La Bolgia delle Eretiche”.

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

Filiera corta anche al mare: arriva il pesce a "KM 0"

Non solo "farmers' market" e mercatini a km zero per i prodotti agricoli. Gli oltre 8.000 chilometri di coste italiane propongono una varietà pressoché infinita di pesci. Basta saper scegliere, nel rispetto degli equilibri naturali. Lega Pesca ci aiuta a capire come.

Pesce fresco e a KM zero, un'idea tanto innovativa quanto semplice e immediata. Lega Pesca, l'associazione di categoria delle cooperative italiane della pesca, propone una gustosa e geniale campagna per promuovere il prodotto ittico degli 8000 km di coste della Penisola. 

Come fare è semplice e immediato, basta approvvigionarsi direttamente dai produttori - consiglia Lega Pesca - che, attraverso la vendita diretta, l'apertura di ittiturismi e di ristoranti gestiti in proprio dalle cooperative di pesca, quando non si tratti del pasto a bordo che conclude le escursioni di pescaturismo, stanno avviando iniziative su tutto il territorio per promuovere e valorizzare i propri prodotti "dalla barca alla tavola".

Ecco per Liguria, Toscana, Lazio, Sardegna, Calabria, Sicilia, Marche, Emilia Romagna e Veneto una mappa delle prime esperienze di vendita diretta di "fresco locale di stagione" offerto direttamente dai pescatori, in barca, in banchina o in ittiturismo.

LIGURIA -- ACCIUGHE, PESCESPADA E GAMBERO ROSSO In Liguria si spazia dal famoso gambero rosso di Sanremo, all’acciuga, al pesce spada, al pesce lama, boghe, zerri, besughi, cavalle, orate, pagari, aragoste, pescatrice, totani, calamari, scampi e così via. La stagione estiva è quella che assicura il maggior approvvigionamento. Ciascuno di questi pesci è ottimo: il consumatore deve aprire i propri orizzonti culinari verso specie ittiche che anche se sconosciute sono di qualità eccellente.

TOSCANA -- SUI BANCHI IN DARSENA CEFALI, TREMORE, SALPE E SPATOLE I romani, come descrive Plinio, lo pescavano in Costa Azzurra, allora Gallia Narborense. Oggi in Versiglia il cefalo è la specie consigliata dai pescatori di Viareggio. Pesce tradizionalmente "povero" e poco conosciuto, ma decisamente conveniente, che insieme a sugherelli, lecci stella, tremore, spatole e pesci bandiera, viene venduto a 5 euro al kg. 7 euro, salpe e razze. Seppie e polpi, 8 a 9 euro. Con due euro si portano a casa filetti di cefalo per la cena, magari marinati con aceto di mele, consigliano i pescatori. Oltre alla vendita diretta, si sta ampliando anche il rapporto con i vari gruppi di acquisto sparsi su tutto il territorio toscano.

SARDEGNA -- MUGGINE DELLA LAGUNA IN ITTITURISMO A CABRAS La specie locale per eccellenza è l'aragosta, per chi può permettersela. Decisamente più accessibili, anche se non meno prelibati, i costi dei menù a base di pesce fresco locale offerti dagli ittiturismi gestiti dai pescatori di Cabras , tra l'altro i primi in Italia ad ottenere una certificazione di qualità dei servizi turistici offerti Specie di eccellenza il muggine o cefalo, quello da cui si ricava la rinomata bottarga.

CALABRIA -- LA SPATOLA A BAGNARA, PESCE PETTINE A TROPEA E SARDE ARRIGANATE A CIRO' MARINA E' il lungomare della Marinella di Bagnara il luogo dove acquistare le specie locali appena sbarcate direttamente dalle "bagnarote" mogli dei pescatori della piccola pesca costiera esercitata con i palangari. E' la spatola la specie consigliata, di assoluto pregio e molto apprezzata nelle preparazioni tradizionali, come i rinomati involtini di spatola, o le cotolette impanate, se non arrostite direttamente sulla brace.  Altre specie, il pesce pettine, o "surici" di Tropea e Capo Vaticano, acquistabili direttamente dai piccoli pescatori allo sbarco nel Porto di Tropea, dove il massimo dell'ospitalità è offrire "pesce pettine" fritto, in umido. Passando sullo Ionio, come dimenticare le sarde "arriganate" con il pepe rosso piccante, protagoniste della sagra in programma a Cirò Marina nel corso dell'estate a cura dei pescatori locali e del Comune. In tutta la Regione l'estate è il regno dei "sugarelli" catturati con le lampare dalla piccola pesca costiera, consigliati arrostiti sulla brace, o con pomodori, aglio, olio e peperoncino. 

ROMAGNA -- VONGOLE VERACI E I MITILI L'estate romagnola è all'insegna del primato incontrastato di molluschi e pesce azzurro: cozze, vongole, alici, sarda sogliola, triglia. Nelle principali marinerie, a Riccione, Bellaria e Cervia è possibile acquistare il pesce direttamente dai pescatori nei banchetti in banchina. A Rimini i pescatori vendono direttamente nel mercato coperto.

VENETO -- COZZE, VONGOLE VERACI E FASOLARI Vendita al dettaglio a Scardovari nella sede del Consorzio Coop. Pescatori del Polesine, cozze e vongole, fasolari.

L'elenco completo delle cooperative che propongono vendita e spesso anche consumo direttamente presso le proprie strutture si trova all'indirizzo http://www.legapesca.coop/contentpartviewer.aspx?ID=*filiera corta.

Scrivi il tuo commento

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.