Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

"Pa Cannilora di l'invernu semu fora, ma si non nivica e non 'ntrona quaranta jorna di 'nvernu ancora"

Per la Candelora dall'inverno siamo fuori ma se non nevica e non tuona ci sono quaranta giorni di inverno ancora

La festa dell’alloro a Naso: un antico rito che non deve scomparire

Anche quest’anno, come ogni anno, si è rinnovato il rito della festa dell’alloro seppur in graduale diminuzione d’affluenza. Per le sue particolari caratteristiche (ritroviamo questa festività in alcune parti orientali della Sicilia e in particolare sui Nebrodi) è un patrimonio, un’identità che non va perduta.
Pubblicato il 06/04/2016

"La Bolgia delle Eretiche" in prima nazionale a Messina

Naxoslegge, il noto marchio dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes” dei Giardini Naxos, presenterà oggi 4 febbraio, alle ore 17.30, in prima nazionale, alla Feltrinelli di Messina, l’ultimo grande lavoro di Marinella Fiume: “La Bolgia delle Eretiche”.

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

A Monza si riparte dalla "A di Alice"...

Lo chef Luca Mauri, al centro con casacca bianca e grembiule marrone, insieme al proprio staff

Nella a volte troppo sonnolenta Monza l'avventura di uno chef stellato, brianzolo in tutto e per tutto...

Freschezza e comfort saltano agli occhi di chi entra da “A di Alice” nella rinnovata sede di viale Elvezia 4. Dopo qualche anno in via Pacinotti, lo chef Luca Mauri tenta il salto di qualità e pur in una zona quasi periferica di Monza, apre i battenti del suo nuovo ristorante.

Un aspetto quasi minimalista, ma molto curato, accoglie gli ospiti. Se il nuovo ristorante è molto bello – e la cosa, ovviamente, non guasta – è lui, lo chef che pure molto giovane, ha già lavorato in un ristorante premiato con una stella Michelin, a fare la differenza. Lui e il suo team, naturalmente.

“Faccio il cuoco da vent'anni – racconta Mauri – Mi sono diplomato alla scuola alberghiera di Casargo, in Valsassina, e poi ho cominciato a lavorare subito. Con un grande sogno: aprire un ristorante tutto mio”. Il sogno è diventato realtà e porta il nome della figlioletta, Alice. Come dire, casa e lavoro... “E' proprio questo – continua – sarà banale, ma vorrei che i miei ospiti si sentissero come a casa loro”.

L'attenzione all'ospite la si percepisce anche sfogliando il menù: accanto a sostanziosi menù degustazione, ce n'è anche uno “light”. “Spesso mi è capitato di avere come clienti coppie molto giovani – spiega Mauri – A vent'anni uscire con la propria fidanzata deve essere possibile per tutti, anche in un ristorante di un certo livello. E' prima di tutto a loro che hgo pensato, ma anche a chi capitando qui per la prima volta, vuole semplicemente assaggiare e farsi un'idea della nostra cucina. Magari la volta successiva si orienterà più convintamente sun una degustazione o sulla scelta alla carta. Qui il cliente si deve sentire libero di fare come preferisce”.

Come preferisce, sì, ma con certi limiti... “Beh sì, ci sono cose su cui non transigo – ammette ridendo lo chef – Se un cliente mi chiede un accostamento azzardato, o proprio sbagliato, mi permetto di insistere sulla nostra proposta. Al 99% rimangono soddisfatti...”.

Monza è di certo una piazza particolare; in modo abbastanza inverosimile per una città così grande, i ristoranti recensiti sulle principali guide gastronomiche sono molto pochi. Su tutti, da qualche anno “A di Alice” si è guadagnato una posizione di tutto rispetto. “Dobbiamo imparare a fare rete anche noi ristoratori – sostiene Mauri, che insieme ad altri colleghi ha fondato un'associazione che si chiama Vivi Brianza – L'idea di cenare nel ristorante di un collega che stimo (purtroppo accade di rado) mi serve a confrontarmi, a imparare. Non c'è proprio nulla da nascondere, non mi sognerei nemmeno per scherzo di copiare una ricetta. Ma è così bello poterne parlare”.

Punto forte della cucina dello chef Mauri è il risotto - “ma anche i grissini”, aggiunge ridendo – e il menù segue le stagioni e quello che il mercato del biologico offre di meglio. “Nonostante il periodo di crisi siamo in crescita – è l'ultimo pensiero di Mauri – Non mi interessano i vip, voglio conquistare il cuore dei monzesi. E non solo...”.


Ristorante AdiAlice, Viale Elvezia 4 - 20900 Monza

Tel. 039.9162219 - www.adialice.it

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.