Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

"Pa Cannilora di l'invernu semu fora, ma si non nivica e non 'ntrona quaranta jorna di 'nvernu ancora"

Per la Candelora dall'inverno siamo fuori ma se non nevica e non tuona ci sono quaranta giorni di inverno ancora

La festa dell’alloro a Naso: un antico rito che non deve scomparire

Anche quest’anno, come ogni anno, si è rinnovato il rito della festa dell’alloro seppur in graduale diminuzione d’affluenza. Per le sue particolari caratteristiche (ritroviamo questa festività in alcune parti orientali della Sicilia e in particolare sui Nebrodi) è un patrimonio, un’identità che non va perduta.
Pubblicato il 06/04/2016

"La Bolgia delle Eretiche" in prima nazionale a Messina

Naxoslegge, il noto marchio dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes” dei Giardini Naxos, presenterà oggi 4 febbraio, alle ore 17.30, in prima nazionale, alla Feltrinelli di Messina, l’ultimo grande lavoro di Marinella Fiume: “La Bolgia delle Eretiche”.

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

Disostruzione pediatrica, sicuri anche a tavola grazie agli chef stellati

Lo chef Gualtiero Marchesi

Non è un binomio azzardato. Ci sono ancora troppe piccole vittime per l'ostruzione delle vie aeree dovute al cibo. Gli chef italiani si mettono in gioco e sostengono il progetto "SicurezzAtavola", partecipando in prima persona ai corsi di disostruzione pediatrica.

Una vera e propria rivoluzione nel mondo della ristorazione. Per una volta tanto non si tratta di ricette e creatività culinaria, bensì di salute. O meglio, di pronto intervento nei casi estremi, anche quando ci si trova a tavola. Il tema è quello della disostruzione pediatrica, un evento che causa purtroppo ancora troppe piccole vittime.

Grazie all'azione dell'associazione Salvagente di Monza - e grazie anche al vigoroso supporto di una personalità del calibro di Gualtiero Marchesi - la rivoluzione in cucina è ormai avviata con successo: sono tanti gli chef affermati che hanno aderito ai corsi di preparazione per imparare le manovre di disostruzione delle vie aeree.

Gualtiero Marchesi con il personale di sala del ristorante "Il Marchesino" e alcuni chef stellati provenienti da tutta Italia sono stati protagonisti di un corso di disostruzione e rianimazione cardiopolmonare certificato dal centro di formazione “Salvagente Monza - Salvamento Academy” e accreditato alla Regione Lombardia, Azienda Regionale Emergenza Sanitaria AREU 118.

Grande cucina e alta formazione si sono unite grazie al progetto "SicurezzaAtavola", nato dall’intuizione di Mirko Damasco, un’iniziativa che prevede la formazione di grandi chef affinché all’interno di ristoranti, mense, bar e tutti gli esercizi nei quali viene somministrato cibo ci sia un personale adeguatamente formato e in grado di agire tempestivamente in caso di incidenti. I passi da fare sono ancora tanti, la prevenzione primaria (quella che permette di riconoscere gli alimenti più pericolosi e trasformarli in cibo innocuo) è ancora carente nel nostro paese per questo il progetto SicurezzaAtavola ha voluto coinvolgere un grande Chef come Dario Picchiotti nella realizzazione di alcune videopillole tematiche che aiuteranno ad orientarsi in cucina per il bene di tutti e che saranno ufficialmente diffuse a partire da giugno.

Si tratta di semplici regole da tener bene a mente: tagliare in piccole parti ogni elemento, eliminare noccioli e semi; fondamentale è anche non lasciare i bambini da soli quando mangiano, non farli correre, giocare, cantare, ridere mentre stanno mangiando qualcosa: gesti pericolosissimi che fanno perdere la concentrazione sulla masticazione; altrettanto pericolosa l’alimentazione in auto: il movimento, eventuali frenate, accelerazioni così come distrazioni provenienti da fuori possono risultare fatali. Non bisogna demonizzare i cibi, semplicemente occorre prestare attenzione e servirli nella maniera più corretta.

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.