Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

Caronia alla scoperta della "Cascata Nicoletta"

L’Associazione Naturalistica I Nebrodi organizza per domenica 12 giugno una breve ma intensa avventura nel Torrente Nicoletta.
Pubblicato il 08/06/2016

" I guai ra pignata i sapi u cucchiaru ca l’arrimina "

I problemi della pentola li conosce solo il cucchiaio che mescola il suo contenuto

Slow Fish 2015, il mare è protagonista

Un'immagine dell'edizione 2014 di Slow Fish nel Porto Antico di Genova

A Genova dal 14 al 17 maggio torna la più grande e interessante kermesse italiana dedicata al mare e alla pesca

Torna anche nel 2015 la grande rassegna "Slow Fish", la fiera ideata e organizzata da Slow Food dedicata al mare e alla pesca, al pesce come alimento pregiato e insostituibile.

Fedele alla linea di Slow Food, anche questa manifestazione predilige un approccio "ambientalista" alle questioni legate al cibo e all'alimentazione. Soprattutto per un ecosistema delicato come il mare.

"Il rispetto dell’ambientale deve avere la precedenza - si legge nella presentazione della manifestazione - Quando progettiamo e quando produciamo. Quando facciamo le leggi e quando facciamo la spesa. C’è un unico ambiente, prima lo capiamo e meglio è. E i tempi dell’ambiente, della natura, quelli su cui misurare la sostenibilità di un’attività umana, sono ben più lunghi di quelli dell’economia. Ciò che viene ritenuto sostenibile da un imprenditore potrebbe essere ritenuto una follia dalla natura".

L'organizzazione di Expo 2015 a Milano, inoltre, è un ulteriore elemento di sensibilizzazione sul tema della produzione consapevole di alimenti. "Dobbiamo coltivare la terra, allevare animali, alimentare le nostre automobili senza danneggiare il mare. Non esiste un’attività produttiva che non abbia bisogno di attingere al capitale delle risorse naturali, esattamente come non esiste un’attività produttiva che non abbia bisogno di attingere a un capitale finanziario. Così come siamo attenti a non erodere quest’ultimo capitale senza poi risarcirlo e farlo crescere un po’ – pena la non sostenibilità economica – dobbiamo imparare a non erodere il capitale naturale senza ripristinarlo e migliorarlo – pena la non sostenibilità tout court, e l’impossibilità di nutrire il pianeta".

La manifestazione avrà luogo dal 14 al 17 maggio nella bella cornice di Porto Antico a Genova, dove si potrà partecipare a ben ventuno Laboratori del Gusto; 8 corsi dei Master of Food che ci portano a Scuola di Cucina e 4 Appuntamenti a Tavola con star della cucina italiane e internazionali.

Inoltre sarà presente il Mercato di Slow Fish, arricchito dalla presenza di una trentina di produttori dei Mercati della Terra liguri di Cairo Montenotte e Sarzana. E per approfondire non perdete il programma di conferenze dei Laboratori dell’acqua dove ascoltare il racconto delle donne e degli uomini impegnati a migliorare ogni giorno la Terra che lasceremo in eredità alle generazioni future.

Infine, tra un acquisto e un incontro, un momento di relax ci vuole! Che cosa c’è di meglio allora di una sosta in Enoteca con un buon bicchiere di vino e uno sfizioso manicaretto? O dell’ormai classico abbinamento tra un bel boccale nella Piazza della birra e un originale street food nelle Cucine di Strada

Info: slowfish.slowfood.it

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.