Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

"Pa Cannilora di l'invernu semu fora, ma si non nivica e non 'ntrona quaranta jorna di 'nvernu ancora"

Per la Candelora dall'inverno siamo fuori ma se non nevica e non tuona ci sono quaranta giorni di inverno ancora

La festa dell’alloro a Naso: un antico rito che non deve scomparire

Anche quest’anno, come ogni anno, si è rinnovato il rito della festa dell’alloro seppur in graduale diminuzione d’affluenza. Per le sue particolari caratteristiche (ritroviamo questa festività in alcune parti orientali della Sicilia e in particolare sui Nebrodi) è un patrimonio, un’identità che non va perduta.
Pubblicato il 06/04/2016

"La Bolgia delle Eretiche" in prima nazionale a Messina

Naxoslegge, il noto marchio dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes” dei Giardini Naxos, presenterà oggi 4 febbraio, alle ore 17.30, in prima nazionale, alla Feltrinelli di Messina, l’ultimo grande lavoro di Marinella Fiume: “La Bolgia delle Eretiche”.

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

Una settimana con Slow Food a Expo

Ecco i principali incontri di Slow Food a Expo 2015 nella settimana dal 29 giugno al 5 luglio.

Lunedì 29 giugno
 
150 cuochi a Expo – Meeting generale dell’Italian Cuisine in the World Forum
Ore 11:
Grandi cuochi, ristoratori e distributori di prodotti dell’enogastronomia italiana, oltre 150 persone in arrivo da più di 70 Paesi, si ritrovano nello spazio Slow Food a Expo per un omaggio all’universalità della cucina tricolore nel mondo. L’evento si svolge nell’ambito degli Stati Generali della ristorazione italiana nel mondo, promossi da itchefs-GVCI tra il 28 giugno e il 1 luglio, in occasione della quinta edizione dell’Italian Cuisine in the World Forum. Al centro della manifestazione, i temi legati alla ristorazione italiana all’estero e alle sfide della nostra produzione agroalimentare di eccellenza sui mercati internazionali.
 
Benessere di Vino – Slow Wine – Appuntamento a cura della Fisar
Ore 14:
L’incontro, organizzato da Fisar, è una introduzione ai concetti di Mindful Eating e Mindful Drinking nel benessere di ogni giorno e un’occasione per discutere dell’impegno del sommelier nell’associare cibo, vino e benessere. Interviene Stefania Turato, giornalista e docente Fisar.
 
 
Martedì 30 giugno
 
Con meno sale la salute sale
Ore 16.30:
Secondo numerosi studi, il consumo medio di sale giornaliero nella popolazione italiana si attesta intorno agli 11 grammi negli uomini e 8 nelle donne, valori ben superiori ai 5 grammi al giorno raccomandati dall’OMS. Di questi, solo il 5% esiste naturalmente nei prodotti, mentre il 15% viene aggiunto dalle persone a tavola o durante la preparazione dei cibi e ben l’80% è presente negli alimenti già pronti. Un incontro per riflettere sul tema, ma soprattutto per sensibilizzare a mangiare meno sale, per vivere meglio!
Intervengono:
Roberto Boero, S.C. Nefrologia e Dialisi ASLTO1
Marcello Caputo, S.C. Direzione integrata della prevenzione ASL CN1
Deborah Carrera, Dietista Ospedale Maggiore della Carità di Novara
 
 
Mercoledì 1 luglio
 
Alla scoperta del mais spinato di Gandino, prodotto dell’Arca del Gusto
Ore 15:
Quello di Gandino e della sua Valle, in provincia di Bergamo, è un territorio tutto da gustare. Tra i diversi prodotti di quest’area, il mais spinato la fa certo da padrone. Non per niente Gandino vanta fra gli altri un particolare primato: è il primo luogo in Lombardia dove fu coltivato il mais e dove, di conseguenza, fu preparata la prima polenta gialla. Venite a scoprire tutte le curiosità di questo straordinario cereale segnalato nell’Arca del Gusto di Slow Food.
 
 
Venerdì 3 luglio
 
I mestieri delle Dolomiti
Ore 15:
Un viaggio alla scoperta del territorio delle Dolomiti e dei produttori agroalimentari che lo animano. Miele, erbe spontanee, pane, salmerino e tanti altri prodotti locali si incontrano a Expo per raccontarsi. Non perdetevelo!
 
 
Sabato 4 luglio
 
Il linguaggio universale del gusto e i cibi tradizionali: un confronto tra Italia e Corea del Sud
Ore 16:30:
Anche nel mondo globalizzato di oggi, le diete tradizionali e i loro specifici sapori rappresentano la migliore alimentazione per le popolazioni che le hanno messe a punto. Oggi sappiamo che il gusto rappresenta un linguaggio universale: i suoi sensori si ritrovano anche in zone diverse dalla cavità orale e attribuiscono ai cibi una rilevanza che va oltre quella sensoriale. Nel corso del seminario vengono analizzati da questo punto di vista alcuni alimenti tradizionali dell’Italia e della Corea del Sud.
 
 
Domenica 5 luglio
 
Cibo per la vita
Ore 16.30:
Il progetto di Intermed onlus, organizzazione per la cooperazione sanitaria nei Paesi emergenti, coniuga le abitudini di consumo del cibo nelle popolazioni subsahariane con gli aspetti sociali e sanitari, in condizioni di emergenza alimentare. La lotta alla malnutrizione parte infatti dall’attenzione alla biodiversità e alle colture locali che, se supportate da mezzi adeguati, possono sopperire al fabbisogno dei bambini affetti da deficit alimentare.
 
 
Tutti i giorni
 
Ma le esperienze targate Slow Food non finiscono qui. Da non perdere questa settimana le degustazioni nello Slow Cheese con mozzarella di bufala campana Dop, pecorino delle Balze volterrane Dop, brie de Meaux Aoc e agrì di Valtorta (Presidio Slow Food) in abbinamento alle migliori etichette italiane dell’enoteca Slow Wine. Tutti i giorni inoltre si ripetono gli appuntamenti di Slow Food for Kids: imparare giocando per i gruppi estivi e i bambini in visita con la famiglia, e con i Suoni di Terra Madre, il palinsesto musicale dello Slow Food Theater, a cura di Luca Morino, che racconta la biodiversità della musica.

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.