Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

La "Notte dei Desideri" tra astronomia e magia

Tra tradizioni, astronomia e storia, tutti con gli occhi rivolti al cielo, per cogliere le piogge di meteore che sfrecciano nella volta stellare. In fin dei conti, la notte delle stelle cadenti non è una notte come tante…è una notte speciale, la "notte dei desideri" alla quale bambini, giovani e meno giovani affidano da tempi immemorabili i loro sogni, desideri, speranze, confidando nella magia che tutto può e tutto fa avverare. Il cielo, casa di galassie e di mondi a noi sconosciuti, soprattutto nelle sere più buie e disabitate dalle luci artificiali che provengono dalla città, ci permette di pensare, riflettere, tornare al passato, innamorarsi....

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

Oggi a colazione... Granita al caffè con panna e brioche!

Se storcete il naso di fronte all'idea di iniziare la vostra giornata con una granita con panna... non avete mai provato la vera granita siciliana!

Caronia alla scoperta della "Cascata Nicoletta"

L’Associazione Naturalistica I Nebrodi organizza per domenica 12 giugno una breve ma intensa avventura nel Torrente Nicoletta.
Pubblicato il 08/06/2016

Gli “orange wines”: un sguardo verso il passato.

Il mondo dei vini "antichi" in una degustazione al Fauno di Cesano Maderno.

Abbiamo avuto modo di fare una interessante degustazione di quelli che vengono chiamati “orange wines”.
Dal nome si capisce che questi vini bianchi hanno un colore che tende verso l'arancio.
Chi si occupa della materia sa che viene considerata in maniera negativa questa caratteristica del vino in degustazione.
I vini che evolvono verso questo colore hanno superato la loro stagione migliore e si preparano ad un triste destino: diventare imbevibili.
  Sono essenzialmente due le categorie di questo genere di vini: quella che si rifà alla tradizione italiana (friulana-slovena) e quella che si perde nella notte dei tempi, in Georgia, culla dell'arte di fare il vino.
Da qualche tempo un gruppo di temerari, ben distribuiti in tutta la penisola, vinifica parte delle uve con metodi in netta controtendenza con i disciplinari maggiormente condivisi.
Si vinificano le uve bianche come si trattasse di vini rossi.
Ad esempio lasciando molto a lungo le vinacce a contatto con il mosto, facendo in modo che la fermentazione a temperature non controllate, solo con lieviti del vino in lavorazione, permetta di estrarre anche dalle bucce tutto quello che madrenatura ha messo nel grappolo.
E qui siamo ancora nel solco della tradizione antica italiana.
 Non finisce qui: si procede nell'affinamento usando anche vasche di cemento -ormai superate da gran parte dei produttori- e addirittura anfore interrate in cantina, come fa Iosko Gravner nel Collio Goriziano.
Gravner, come altri produttori, si spinge verso la dimensione storica cercando di immaginare vini che appartengono a un passato millenario.

Si lascia inoltre il vino in contenitori aperti, favorendo una certa ossidazione dei vini, fino all'imbottigliamento.
Successivamente si affina il vino anche per diversi anni fino a quando il produttore non ha deciso che ha raggiunto quelle caratteristiche che si sperava ottenere.
Vini complessi, difficili, non paragonabili a quanto abitualmente consumato sulle nostre tavole o al ristorante.
Eppure sono vini con i quali dovremmo avere una certa familiarità.
Per quel che ricordo io, tanti piccoli produttori dell'isola di Ponza – il mio luogo natale- usavano lasciare il mosto con le bucce, anche nei vini bianchi.
Mai usato vasche per il controllo delle fermentazioni.
Lieviti di chissadove? Manco a parlarne.
L'unica accortezza era l'uso delle damigiane;non tappate però.
Quindi ossidazione del vino.
Quel vino si riusciva a berlo soprattutto perchè veniva consumato in tempi brevi ma già in prossimità dei primi caldi cambiava e diventava duro da bere.
Oggi, con gli “orange wines”, si sperimenta un ritorno alle antiche pratiche di cantina e i vini che abbiamo assaggiato raccontano una storia diversa, complicata da definire ma che merita attenzione.
 Torniamo alla nostra serata.
Abbiamo assaggiato in successione sette vini.
Arrivavano un po' da tutta Italia; erano presenti un pigato ligure, un tocai del Veneto, uno di uve cataratto -zona Camporeale di Palermo-, addirittura un pinot grigio del Friuli prodotto col metodo Solera (ossidazione forzata tipo Marsala), un blended di uve friulane di Radikon molto impegnativo e per finire un verdicchio passito prodotto dalla cantina marchigiana di Barone Pizzini, grande azienda della Franciacorta.
Fuori programma è arrivata anche una riserva di Verdicchio di Jesi San Paolo 2004 sempre dell'azienda marchigiana di Barone Pizzini.
Un vino  non più in commercio da diversi anni (erano poche bottiglie, una riserva personale del direttore dell'azienda presente alla serata) che ha raggiunte vette di ineguagliabile valore in degustazione.
Che dire? Non sono vini da tutti i giorni.
 Se il consumo ha decretato il successo dei vini che abitualmente beviamo la ragione è che, prima di tutto, sono più facili da avvicinare.
Eppure gli orange wines raccontano una storia molto particolare.
Ad esempio oltre al modo di trattare le uve in cantina, spesso si associa un lavoro in vigna che si limita ad un po' di zolfo e di rame.
Non si usano lieviti particolari, in fermentazione, se non quelli sviluppati autonomamente dalle uve, non si usa -o se ne usa pochissima- anidride solforosa per la stabilizzazione e via discorrendo.
Vini biologici quindi o addirittura biodinamici.
Stiamo ancora percorrendo strade inesplorate -anche se antiche- eppure io sono convinto che nel tempo il mercato di questi vini crescerà uscendo dalla attuale dimensione pionieristica.
Sono vini questi che raccontano qualcosa in più della “perfezione estetica” dei nostri vini abituali.
Aggiungono alle loro caratteristiche molto nette una sensazione, un retrogusto fatto di profumi e sapori molto legati a quello della terra.
Se nei vini classici troviamo spesso quelle sensazioni eteree dei luoghi in cui vengono prodotti, negli “orange wines” percepiamo la forza delle radici di quelle piante che hanno allevato quei grappoli.
 A seguire l'elenco dei vini degustati:

Spigau Crociata acini rari 2009-Le rocche del gatto di Salea d'Albenga (Savona)

Amphora 2011-Castello di Lispida di Monselice (Padova)

Catarratto Saharay 2009-Porta del vento di Camporeale (Palermo)

Pinot grigio metodo solera-Specogna di Corno di Rosazzo (Udine)

Verdicchio di Jesi Classico Riserva 2004-Pievalta Castelli di Jesi

Oslavje 2007-Radikon di Gorizia

Verdicchio dei castelli di Jesi doc passito Curina 2011-Pievalta di Maiolati Spontini (Ancona)

                                                                               SV

Scrivi il tuo commento

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.