Chi siamo

Senza pretese, ma con molte aspettative. Questo sito nasce così, dalla passione che ti fa credere di fare una cosa importante, ma senza l'ambizione di suscitare il polverone che cambierà il mondo. Mangiare è una cosa bella; bere altrettanto. Se mangi e bevi bene è ancora meglio. Però, l'idea di fondo di “diterraedimare” è un'altra....

Scrivi alla redazione

Abbiamo bisogno delle vostre idee. Per richieste, suggerimenti, proposte, contattateci.

Ultimi commenti

Carlo Varchetta

Complimenti per l'editoriale da L'alimentazione oggi

Carlo Varchetta

Ottimo cocktail e ottimo articolo! da Un Mojito come si deve

I più visti

"Quannu zappi e quannu puti non c'è nè cumpari nè niputi . Quannu è tempu i Vinnignari tutti niputi e tutti cumpari! "

Quando è tempo di zappare e di potare non c'è né nipote né compare. Quando è tempo di vendemmia...tutti nipoti e tutti compari.

"Pa Cannilora di l'invernu semu fora, ma si non nivica e non 'ntrona quaranta jorna di 'nvernu ancora"

Per la Candelora dall'inverno siamo fuori ma se non nevica e non tuona ci sono quaranta giorni di inverno ancora

Leggenda della Madonna del Tindari e la nascita dei Laghetti di Marinello

Una striscia di sabbia, in mezzo al mare che racchiude miracoli e leggende.
Pubblicato il 08/09/2015

La festa dell’alloro a Naso: un antico rito che non deve scomparire

Anche quest’anno, come ogni anno, si è rinnovato il rito della festa dell’alloro seppur in graduale diminuzione d’affluenza. Per le sue particolari caratteristiche (ritroviamo questa festività in alcune parti orientali della Sicilia e in particolare sui Nebrodi) è un patrimonio, un’identità che non va perduta.
Pubblicato il 06/04/2016

"La Bolgia delle Eretiche" in prima nazionale a Messina

Naxoslegge, il noto marchio dell’Associazione culturale “Le officine di Hermes” dei Giardini Naxos, presenterà oggi 4 febbraio, alle ore 17.30, in prima nazionale, alla Feltrinelli di Messina, l’ultimo grande lavoro di Marinella Fiume: “La Bolgia delle Eretiche”.

Oggi a colazione... Granita al caffè con panna e brioche!

Se storcete il naso di fronte all'idea di iniziare la vostra giornata con una granita con panna... non avete mai provato la vera granita siciliana!

Se a nessuno sfugge il piacere di rinfrescarsi la bocca in piena estate con una bella granita, forse a molti non verrebbe spontaneo iniziare la propria giornata con granita, panna e brioche.

Sono molti, ormai, i bar e le pasticcerie che in Italia offrono buone e originali granite alla siciliana, ma per coloro che non hanno mai provato il piacere di mettere piede sulla terra di re Ruggero II, consigliamo un esperimento di un certo interesse: granita a colazione.

La granita - al limone, al caffè, alla mandorla, ai gelsi neri - è un dolce tipico siciliano, molto diffuso in tutta Italia. Tuttavia, la lavorazione artigianale isolana la rende davvero un prodotto tipico, così come la panna con cui spesso si accompagna, che nulla ha a che vedere con la tradizionale panna montata nota ai più.

Diffusa, ovviamente,  in tutta l'isola, trova a Messina e Catania le sue formulazioni più tradizionali. Molto nota a Messina la “mezza con panna”, espressione che si riferisce alla granita di caffè con panna accompagnata dalle tipiche brioches. Molto diffusi nella zona di Catania e Siracusa sono i gusti pistacchio e mandorla. Molto famosa a tale proposito è la minnulata catanese ( mandorlata ), su cui si versa un goccio di caffè caldo.

Un tempo la preparazione dell’antenato della granita avveniva grattando la neve mischiandola a succhi di agrumi o sciroppi di frutta. Nel XVI sec. aggiungendo del sale marino alle neve si modifica radicalmente la preparazione della “rattata” e la neve da ingrediente principale si trasforma in refrigerante. Il ghiaccio cosi trasformato veniva posto in un pozzetto di legno al cui interno era inserito un secchiello di zinco nel quale si aggiungevano acqua, frutta frullata o succhi di agrumi.

Il consumo più originale per chi è meno avvezzo alla vera granita siciliana è quello a colazione, accompagnata  o meno dalla panna, ma senza dubbio dalla "brioscia". Questa non è il classico cornetto o croissant, bensì un morbidissimo dolcetto che serve ad accompagnare la fresca colazione.

Come si diceva un tempo, "provare per credere".


Scrivi il tuo commento

Suggeriti dalla redazione

Vivi Brianza

Sei ristoranti del territorio brianzolo uniti per raggiungere l'eccelenza nel cibo, nel servizio e negli ambienti

Ristorante Due Spade

Ambiente stellato a conduzione familiare, con piatti forti quali Baccalà mantecato con patate e olio nuovo, Filetto di maiale, pancetta croccante, funghi porcini e tortino di castagne, Gnocchetti al nero con seppia, colatura di alici e broccoletti Crostatina calda di fichi, cioccolato e sorbetto di mandorle.